«Il racconto di una vita avventurosa».
– Gabriele Sabatini

Memoriette del buontempo

Codice ISBN 978-88-99028-49-7
Uscita: 8 luglio 2021
16€
  • DESCRIZIONE
  • INFORMAZIONI
  • AUTORE
  • RASSEGNA
All’inizio degli anni Venti, stanco dei giochi di potere dell’Italia di Nitti e Giolitti, Tito A. Spagnol accettò di partire per Los Angeles come inviato per «Paris-Presse». Doveva restarci tre settimane, ci rimase diversi anni, con un lungo intermezzo messicano. Memoriette del buontempo è il resoconto di questo periodo a cavallo tra le due guerre mondiali, in cui l’autore, improvvisatosi uomo di cinema e avventuriero spericolato, racconta di incontri emblematici con noti personaggi di Hollywood, di rapine finite male, di traversie nel Golfo di California su un’imbarcazione malridotta, di miseria e di droghe allucinogene in un Messico rurale ancora pervaso dal mito di Pancho Villa.

Simon’s è sempre affollato di gente che cerca a Hollywood la chance, o che l’ha perduta. Qualche sera in cui non so cosa fare, o non ho voglia di far nulla, vado da Simon’s a prendere il caffè, ottimo come dappertutto, per far quattro chiacchiere con la ghenga del capitano Zaccaria, il più generoso cuore dell’universo, che non ha mai due dollari in ta-sca, perché quando ne ha due, sta male se non trova da darne uno a qualcuno che è senza.
n. 33 - 224 pagine arabe intonse, dimensioni a libello chiuso 12X19, interno stampato su carta Burgo Palatina, copertina a colori stampata su carta Fabriano Fabria Brizzato.

Prefazione di: Gabriele Sabatini
Copertina: Maurizio Ceccato - Ifix ©
Redazione e Impaginazione: Studio editoriale 42Linee

Tito A. Spagnol è nato a Vittorio Veneto nel 1895. Giornalista e scrittore, è stato inviato per il «Corriere della Sera», «L’Italiano» e «Omnibus» di Leo Longanesi; dopo il 1945 ha smesso di scrivere, salvo collaborare, di tanto in tanto, con «Il Mondo» di Mario Pannunzio. È morto a Vittorio Veneto nel 1979.