In una sorta di etologia degli etologi, una raccolta dove, con un umorismo irresistibile, ci viene raccontato cosa accade quando gli umani si appassionano fin troppo all’osservazione degli animali.

Italo Svevo Edizioni - Attraverso la finestra di Snell - Pergola

Attraverso la finestra di Snell – Storie di animali e degli umani che li osservano

Codice ISBN 978-88-99028-35-0
Uscita: marzo 2019
14,50€
  • DESCRIZIONE
  • INFORMAZIONI
  • AUTORE
  • RASSEGNA
Per quanto Paolo Pergola sia uno scienziato affermato e serio nel suo lavoro di ricerca, senza che le due cose siano in un qualche e apparente modo collegate, è anche membro dell’Opificio di Letteratura potenziale. E questa è forse la principale premessa per quello che, senza essere un libro di divulgazione scientifica, parla di scienziati, zoologi, e del loro oggetto di studio, gli animali. Se la scienza cerca di spiegare il mondo, i quattordici racconti qui raccolti ci mostrano quali divertentissimi e appassionanti fatti possono accadere quando il mondo, in questo caso degli animali, viene messo sotto osservazione. La scrittura di Pergola riesce a decentrare la nostra attenzione e destare la nostra meraviglia, con un’accuratezza e un'ironia che ricordano quelle delle Cosmicomiche e di Ti con Zero di Italo Calvino.
n. 21 - 152 pagine arabe intonse, dimensioni a libello chiuso 12X19, interno stampato su carta Fabriano Palatina, copertina a colori stampata su carta Fabriano Fabria Brizzato.

Copertina: Maurizio Ceccato - Ifix ©
Redazione e Impaginazione: Studio editoriale 42Linee
Editing: Giovanni Nucci
Nato sotto il segno della vergine a Torino nella prima metà negli anni ’60, si è sposato un’americana e vive con lei e le loro figlie a Oristano. Pergola è soprattutto un affermato ricercatore in zoologia e etologo, ma anche uno squisito letterato; dal 2012 membro dell’OpLePo (Opificio di Letteratura Potenziale). Tra i diversi suoi libri ricordiamo solo quelli usciti nel 2018 Aurelio e lo scrivano. Tentativo di esaurimento Lessico famigliare. e Operazioni alla lettera (In Riga); Di cosa parliamo quando parliamo (FUOCOfuochino) e  Posizioni in classifica (Babbomorto).